PERCHE’ NEI BAMBINI HA COSI’ TANTO SUCCESSO IL CARTONE DI “PEPPA PIG”? CHE COSA CI STANNO COMUNICANDO I NOSTRI FIGLI?

Molti adulti si domandono come mai dei “maialini” che compiono azioni così ordinarie abbiano stregato così tanto i più piccini (quelli in età pre-scolare), mentre, spesso, la loro percezione è quella di guardare un cartone poco stimolante.

Questo cartone è stato disegnato proprio pensando a come funziona la mente del bambino: case sul cucuzzolo della collina, macchine che salgono la strada in verticale senza ribaltarsi, tutto rimane visibile, tutto è a portata di mano e tutto è vicino.

Ma la vera chiave del successo di questo cartone risiede proprio  nel fatto che vengono rappresentate scene di vita quotidiana, la realtà di tutti i giorni, in maniera così clamorosamente evidente.

In questo cartone non ci sono tutti quegli elementi che ci aspetteremo di trovare in un cartone classico: non ci sono streghe, folletti magici o mostri da combattere, non avvengono cose straordinarie, non si trova una lotta tra gli opposti (il bene ed il male, il noioso e il divertente, il buono ed i cattivo) e neanche è presente un piano simbolico/metaforico.

Anche se i bambini non si aspettino colpi di scena, il fatto che tutto si svolga in un clima di allegria, dove sono tutti straordinariamente felici ed entusiasti di trascorrere del tempo insieme, è sicuramente rassicurante per i bambini: tutto è perfettamente prevedibile e sotto controllo.

In “Peppa Pig” si trovano pozzanghere da saltare, gite in famiglia da organizzare, macchine da lavare, frittelle da cucinare… e ciò che ai bambini piace vedere consiste nel pensare che tutto ciò si può fare, si può fare insieme agli adulti e si può fare senza che qualcuno si arrabbi.

Mostrando entusiasmo nei confronti del cartone di “Peppa Pig”, forse i bambini ci stanno comunicando il loro bisogno di cogliere la straordinarietà nelle piccole cose. In una realtà dove tutto è veloce e frenetico, i bambini sono veramente abituati a vivere insieme agli adulti molte situazioni? Le “scene di vita” rappresentate nel cartone accadono anche nella nostra realtà quotidiana? Permettiamo  veramente ai nostri figli di sporcarsi nelle pozzanghere, senza mostrare irritazione? Abbiamo mai saltato insieme ai nostri figli in una pozzanghera?

E se fosse proprio questo l’elemento tanto desiderato dai bambini, sul quale hanno bisogno fantasticare?

 

Rispondi